Dove finisce la plastica che gettiamo via?

Commerciale MB Water S.r.l.
1. immagine di copertina

Viene smaltita tutta oppure no? E quella dispersa nell’ambiente dove va a finire? Ecco qui alcune risposte Lo sappiamo già che la plastica è dannosa per l’ambiente, ma sappiamo anche che può essere riciclata e riuilizzata. Tutta la plastica può avere nuova vita? Non proprio. E allora quella che non viene riciclata dove va a finire? Vediamolo insieme. Il 60% della plastica recuperata dalla raccolta differenziata, in realtà, viene riciclata e quindi è pronta per dare vita a nuovi oggetti; il restante 40%, invece, viene destinato ai termovalorizzatori: una percentuale alta, un dato che deve far riflettere visto che bruciare materiale plastico significa anche inquinare l’aria e produrre diossina, anche se l’intenzione è quella di creare una fonte di energia rinnovabile. Bisogna poi considerare che non esiste solo un tipo di plastica: il materiale utilizzato può essere diverso per ciascun prodotto, e da questo dipende anche la possibilità di riciclo dello stesso. Se il PET, ad esempio, può essere riciclato trasformandolo in tessuto, ciò non è vero per altri tipi di materiale, che una volta utilizzati devono essere gettati via. Moltissima plastica, poi, viene dispersa nell’ambiente: conosciamo tutti la drammatica situazione degli oceani, in cui si creano, a causa delle correnti, delle vere e proprie isole formate da rifiuti. E, come se non bastasse, molti pesci uccelli marini scambiano i piccoli pezzi colorati di plastica per cibo, finendo così soffocati: il WWF francese poche settimane fa ha dato il via ad una forte campagna di sensibilizzazione a riguardo. Alcuni studiosi, poi, ritengono che alcuni tipi di plastica in acqua si scompongano molto più rapidamente rispetto al tempo che crediamo  per il processo di smaltimento, e che quindi assumano delle dimensioni simili a quelle del plancton, fonte primaria di nutrimento per molte specie ittiche, che ingoiano le particelle causandone la morte. E noi come possiamo agire per far sì che venga prodotta sempre meno plastica e quindi non finisca dispersa nell’ambiente? Innanzitutto, è necessario consumarne meno: perché comprare delle confezioni quando non servono affatto, come nel caso delle bottiglie d’acqua o del detersivo? Sono infatti sempre di più i supermercati in cui è possibile acquistare  beni sfusi e senza confezione. In secondo luogo, è opportuno dividere bene i nostri rifiuti: separare la plastica dalla carta e dal secco è il primo passo per dare il via ad un processo virtuoso che ci consente di riciclare sempre più materiali ed oggetti d’uso comune. Meno plastica significa un mondo più pulito e un ambiente più sano, e quindi più felice.  

Condividi

Commerciale MB Water S.r.l.
Lavoro nel settore commerciale da diversi anni; Mi occupo di offerte e gestione clienti

Altri Post
Quale acqua bere in gravidanza?
Qual è  l’acqua migliore da bere quando si aspetta un bambino? E quanta berne? Un momento dolcissimo, speciale  ed irripetibile: quando si aspetta un bambino, la corretta alimentazione è fondamentale per vi......
Salviamo il mondo dalla microplastica
Parliamo spesso delle bottiglie di plastica e della plastica monouso in generale, ma non delle microplastiche e delle conseguenze che queste hanno sull’ambiente. Un fenomeno recente, che rischia però di avere un forte impatto negativo per il nostr......
Chi Siamo
Testo di prova
I’ve always cared about great visual design, but a few years ago I learned that I loved to teach as well. That led to starting this blog, building iPhone apps...
Read more
Our gallery
Caricamento...